DSA E ADHD: COSA SONO?

Negli ultimi anni  si è andato sempre più diffondendo l’uso di due acronimi  nelle scuole e in psicologia infantile: DSA e ADHD. DSA sta per Disturbi Specifici dell’Apprendimento, mentre ADHD sta per Attention Deficit Hyperactivity Disorder, conosciuto in Italia come Disturbo da Deficit di Attenzione ed Iperattività; è importante specificare…

Continue reading

MATERNITA’ E GRAVIDANZA: STUDIO DELLE RAPPRESENTAZIONI MATERNE

 La transizione verso la genitorialità rappresenta una tappa critica all’interno della coppia, capace di determinare una serie di trasformazioni che coinvolgono il livello intrapsichico di ciascuno dei due futuri genitori, la loro relazione e il più ampio contesto sociale di appartenenza. Le donne diventate madri, sicuramente potrano aver vissuto questi…

Continue reading

Vygotskij: una importante figura nella storia della psicologia

  Lev Semënovič Vygotskij  nasce ad Orsa in Russia nel 1896 e vive una vita breve ma intensa, difatti muore a soli trentotto anni nel 1934. Il suo interesse per l’ambito psicologico risale alle prime ricerche sullo sviluppo psichico di bambini ciechi e sordomuti. La vera svolta avvenne però solo…

Continue reading

L’IMITAZIONE DELLE CONDOTTE AGGRESSIVE

Lo studio dell’apprendimento è stato da sempre al centro delle ricerche psicologiche. Albert Bandura, con la sua teoria dell’apprendimento sociale, è stato un autore fondamentale in questo tipo di ricerche, evidenziando come l’apprendimento non riguardasse soltanto il contatto diretto con gli altri, ma fosse qualcosa di più vasto, interessando anche…

Continue reading

TEMPERAMENTO, CARATTERE, PERSONALITA’

I termini temperamento, carattere e personalità sono tre concetti che spesso vengono confusi tra di loro, pensando che siano sinonimi , dunque che stiano ad indicare lo stesso tratto distintivo della persona. Una frase ricorrente: “Non vanno d’accordo perché hanno due caratteri incompatibili”, oppure “ il carattere non si può…

Continue reading

GIOIA O FELICITA’ ?

Da alcuni anni si distingue tra emozioni a valenza negativa, perché accompagnate da stati psicologici di malessere, sofferenza e disagio, ed emozioni a valenza positiva, perché piacevoli per il soggetto che le prova. Tali emozioni, che appartengono alla medesima area semantica della riuscita e realizzazione di scopi (Johnson-Laird e Oatley…

Continue reading