IN BREVE : CHI ERA SIGMUND FREUD?

 

Sigmund Freud nasce a Freiberg nel 1856, da Jakob e Amalia. Il giovane Sigmund, comincia a studiare medicina all’università, ottenendo in seguito una laurea. Successivamente, nel 1882 conosce Martha, una ragazza che diventerà sua moglie e da cui ebbe i suoi sei figli: Mathilde, Jean-Martin, Oliver, Ernst, Sophie e Anna.

Il suo interesse per il paziente e per le nevrosi, portò Freud a studiare e approfondire quella che è la psiche umana, elaborando la teoria che è ancora oggi è riconosciuta come una delle più grandi teorie sulla psicoanalisi. Secondo lo studioso questa teoria è composta da tre topiche. Esse sono:

  • Conscio: in questa zona invece ci sono tutte quelle informazioni che sono conosciute. È presente la realtà.
  • Preconscio: questa zona è filtrante, abbiamo tutto il materiale che non è stato ancora immagazzinato nella mente, ma che è possibile rievocare e analizzare con molta facilità.
  • Inconscio: dove sono situate le pulsioni. Esse devono essere soddisfatte, pena la nevrosi.

Successivamente egli elabora nel 1923, una seconda teoria, la seconda topica, contenente tre istanze:

  • Es: contiene le pulsioni ed è inconscio.
  • Io: è la parte che fa da mediatore tra Io e super Io, nella quale predomina la realtà.
  • Super Io: è la zona morale, dove vengono interiorizzate le regole.
http://fascinointellettuali.larionews.com/sigmund-freud-la-rivoluzione-copernicana-di-un-pensiero-che-ha-fatto-epoca/

http://fascinointellettuali.larionews.com/sigmund-freud-la-rivoluzione-copernicana-di-un-pensiero-che-ha-fatto-epoca/

 

Egli è considerato un grande studioso: i suoi studi spaziarono  dalla medicina alla sociologia, alla pedagogia. In particolare Freud si soffermò  sull’infanzia del bambino e sulle pulsioni sessuali già presenti fin dalla più tenera età. Per questo motivo Freud definì il bambino come il “perverso polimorfo”.

Egli  elabora cinque fasi  di sviluppo psicosessuale:

  • Fase orale: da qui ha inizio lo sviluppo psicosessuale del bambino. È compresa tra i 0-18 mesi. In questa prima fase il bambino tende a portare ogni oggetto verso la bocca. È il modo migliore per permettergli di conoscere e apprendere dal mondo esterno più informazioni possibili.
  • Fase anale: Tra i 18-36 mesi il bambino/a acquisisce il controllo del proprio corpo, e acquisisce autostima e autocontrollo.
  • Fase fallica: è compresa tra i 3 e i 6 anni. In questa fase si manifestano il complesso di Edipo e quello di Elettra.
  • Fase di latenza: in questa fase il bambino non è più egocentrico, ma si apre alle relazioni sociali.
  • Fase genitale: ultima fase che corrisponde all’adolescenza, dove si pongono le basi per le relazioni affettive.

Le teorie di Freud, così come spesso avviene quando si è davanti a teorie di “rottura”, attirarono molte critiche, ma aprirono la strada a numerosi studi sulla psiche umana e sebbene alcune sue teorie furono riviste e da alcuni attualmente considerate superate, si può ben riconoscere il merito di essere una colonna portante dell’affascinante viaggio dentro l’infinito labirinto della mente umana.

 

Autrice: Eleonora Mazzitelli Dott.ssa in Discipline Psicosociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *